Del 4 Febbraio 2024 alle ore 03:11

Vittorio Emanuele aveva 10 anni quando dovette abbandonare l’Italia in seguito alla fine della monarchia e alla norma che disponeva l’esilio per i discendenti dell’ultimo re. Il ritorno avvenne solo nel 2002

BOLOGNA – Nato a Napoli il 12 febbraio 1937, Vittorio Emanuele aveva solo nove anni quando il 2 giugno 1946 il popolo italiano scelse di diventare una Repubblica, facendo così venire meno la possibilità che diventasse re al posto del padre Umberto II. Niente più monarchia in Italia, e per di più meno di due anni dopo, il 1 gennaio 1948, la Costituzione stabilì che i discendenti maschi della famiglia Savoia andassero in esilio, con divieto di ingresso in Italia. Fu così che i Savoia lasciarono l’Italia e vissero, fino al 2002, tra la Svizzera (dove hanno sempre abitato a Ginevra, città in cui oggi Vittorio Emanuele si è spento), la Francia e Corsica, dove la famiglia possiede la famosa villa sull’esclusiva isola di Cavallo.

IL RITORNO IN ITALIA NEL 2002

Alla fine del 2002, poi, quando la norma che prevedeva l’esilio degli eredi Savoia fu abolita, la famiglia degli ex monachi potè tornare in Italia: Vittorio Emanuele aveva 65 anni, li figlio Emanuele Filiberto 30. La famiglia reale, in una nota pubblica, prese formalmente le distanze dalle leggi razziali e mise per iscritto che accettava la fine della monarchia, giurando fedeltà alla Costituzione repubblicana e al presidente della Repubblica, esplicitando la rinuncia a qualunque pretesa dinastica sullo Stato italiano. È vero che poi, cinque anni dopo, nel 2007, Vittorio Emanuele fece causa allo Stato italiano chiedendo un risarcimento di 260 milioni di euro per l’esilio e chiedendo che gli venissero restituiti i beni confiscati nel 1948. Chiese poi anche, ma questo nel 2022, la restituzione dei gioielli di famiglia, custoditi da tempo nelle cassette di sicurezza della Banca d’Italia.

LE ACCUSE E LA MORTE DI DIRK HAMER

Nel corso della sua lunga vita, il figlio dell’ultimo re d’Italia fu accusato di vari reati, dall’omicidio alla corruzione. L’unica condanna, però, che ricevette, fu quella per porto abusivo di armi, per cui venne condannato a sei mesi. Da tutte le rimanenti accuse è stato assolto. La vicenda forse più (tristemente) famosa è quella della morte di Dirk Hamer, un ragazzo tedesco di 19 anni, che venne ferito alla gamba mentre stava dormendo su una barca ormeggiata all’isola di Cavallo, in Corsica. Avvenne nella notte tra il 17 e il 18 agosto 1978: il giovane morì diversi mesi dopo, a dicembre, per le conseguenze letali della ferita d’arma da fuoco. A pesare sulla sua morte furono anche i soccorsi non tempestivi e le cure ricevute nell’immediato, ritenute successivamente sbagliate: il proiettile gli aveva reciso l’arteria femorale e poi si era conficcato nel coccige. Con il senno di poi, avrebbe dovuto essergli praticato un by pass, invece venne curato da un medico locale in Corsica che si limitò a suturare la ferita, raccontarono alcuni testimoni. La gamba andò in cancrena e il giovane morì, mesi dopo, dopo una terribile agonia.

Vittorio Emanuele, che in quei giorni era in vacanza a Cavallo con il suo yacht insieme alla moglie Marina e al figlio Emanuele Filiberto (allora bambino di 6 anni), venne accusato di aver sparato due volte con la sua carabina, dopo aver discusso con un gruppo di giovani turisti, tra cui appunto il 19enne ferito, che si trovavano su un’imbarcazione ormeggiata non lontano dallo yacht reale. All’origine della discussione che ne nacque, a quanto pare, ci fu l’utilizzo non autorizzato da parte di alcuni giovani della comitiva del gommone ‘Zodiac’ di proprietà dei Savoia, gommone che venne ‘preso in prestito’ per raggiungere la riva. Il giovane Hamer, però, non aveva preso parte ai fatti, tanto che venne colpito mentre stava dormendo sulla barca, raggiunto quindi dal colpo di arma da fuoco per errore.

Le indagini partirono fin da subito in modo piuttosto confuso, Vittorio Emanuele venne anche arrestato, per pochi giorni. Poi ci fu il processo, lungo e complesso. I suoi avvocati sostennero che in realtà quella notte furono sparati altri colpi e che quello che aveva colpito il giovane non era partito dalla sua carabina. Vittorio Emanuele ammise di aver sparato un colpo in aria per intimorire il gruppo di giovani. La vera dinamica non venne mai appurata e non furono trovate prve decisive. Il reato di omicidio volontario di cui era accusato venne a cadere nel novembre 1991 e Vittorio Emanuele fu prosciolto dalla Camera d’accusa parigina e condannato a 6 mesi per porto abusivo di arma da fuoco (che aveva utilizzato al di fuori della propria abitazione), con pena sospesa.

 

L’articolo Vittorio Emanuele, quella vita lontana dall’Italia tra Svizzera e Corsica. Poi il ritorno nel 2002 è già apparso su Il Corriere Nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.