Del 9 Febbraio 2024 alle ore 06:17

Nell’era digitale, l’efficienza e l’accessibilità dei servizi pubblici sono parametri essenziali per una buona governance

Tuttavia, la pubblica amministrazione un’esperienza utente ottimale e ad adottare le nuove tecnologie in modo efficace.

Nonostante ciò, la pubblica amministrazione spesso fatica spesso a garantire una user experience di qualità e l’integrazione delle nuove tecnologie.

Per ridurre il gap digitale e facilitare il cambiamento, Fabio Ligonzo, Segretario Aziendale della Cisl FP di Taranto, afferma che il sindacato ha sempre sostenuto la necessità di assumere nuovo personale per favorire il turnover e non gravare sempre sugli stessi lavoratori, potendo così contare sulle nuove generazioni che sono al passo con le nuove tecnologie.

Il gap digitale rappresenta un ostacolo significativo che richiede soluzioni innovative e un impegno politico deciso per colmarlo.

Attraverso la digitalizzazione dei processi, la formazione e la sensibilizzazione, la collaborazione pubblico-privata e la protezione dei dati, è possibile migliorare l’efficienza dei servizi pubblici e garantire un accesso equo per tutti i cittadini.

Semplificare il workflow con piattaforme online e trasformare la documentazione cartacea in digitale può rendere l’erogazione dei servizi più snella e facile d’uso.

Ligonzo afferma che è fondamentale ridurre il divario digitale investendo nella formazione dei dipendenti pubblici e nella sensibilizzazione digitale dei cittadini riguardo alle nuove tecnologie e ai servizi online. Campagne di informazione efficaci possono sfidare la resistenza al cambiamento e favorire l’utilizzo dei servizi digitali.

Inoltre, le collaborazioni con il settore privato possono portare a partnership strategiche per promuovere lo sviluppo e l’adozione di tecnologie innovative, come l’IA e l’automazione, al fine di affinare i processi pubblici.

 

Garantire la sicurezza e la privacy dei dati dei cittadini è fondamentale per promuovere la fiducia nell’uso dei servizi digitali della pubblica amministrazione, conclude Ligonzo. pertanto misure adeguate di sicurezza saranno incentivi per la fiducia nella digitalizzazione dei servizi pubblici.

Foto di fancycrave1 da Pixabay

L’articolo Comune di Taranto, Ligonzo (Cisl FP): assunzioni e formazione digitale per cambiare la PA è già apparso su Corriere di Puglia e Lucania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.