Del 10 Febbraio 2024 alle ore 09:26

Il presidente dei senatori di Forza Italia: “Come mai Amadeus ha usato la frase in inglese, che è lo slogan adottato dalla fabbrica di scarpe”

ROMA – “Conosco e stimo Marcello Ciannamea e stimo anche tutti gli altri dirigenti della Rai. Leggere che Ciannamea si sente ‘truffato’ sul caso Travolta mi colpisce molto. Perché se c’è un uso improprio del servizio pubblico televisivo da parte di privati all’insaputa di chi organizza con tanta cura il Festival di Sanremo, c’è da preoccuparsi molto. Io non pensavo che le cose fossero arrivate fino a questo punto, ma c’è molto da controllare allora. Sulle procedure, sugli eventi di questa importanza, sull’uso a fini commerciali da parte di privati”. A parlare è il presidente dei senatori di Forza Italia, Maurizio Gasparri, che annuncia accertamenti sul caso.

Per Gasparri “è necessario un grande, severo e approfondito esame di quanto è avvenuto. Se i capi stessi della Rai ipotizzano di essere stati vittime di una truffa, vuol dire che alcuni grandi eventi sono fuori controllo. Non bastano le verifiche dell’azienda. Faremo anche in Commissione di Vigilanza, su mia richiesta, tutti gli accertamenti del caso. La Rai ha bisogno di risorse. Con Sanremo ne ha raccolte tante, ben 60 milioni. Non vedo perché si devono arricchire dei privati e non la Rai che, se fa della pubblicità, se la deve far pagare profumatamente. Resta però il dubbio di come mai Amadeus abbia usato la frase in inglese, che è lo slogan adottato dalla fabbrica di scarpe. Amadeus è un profeta o sapeva qualcosa? Ci dovrà rispondere. Non esistono intoccabili in questo Paese. E attendiamo anche l’inchiesta di alcune trasmissioni di punta della Rai, che calunniano la gente perbene. Vedremo se cercano la verità sulla propria azienda o se sono al guinzaglio”, ha detto il senatore.

GASPARRI: RAI SI È INFILATA ANCORA IN PASTICCIO EVITABILE

“Giù le mani da Sanremo. Un grande evento nazional-popolare che tutti, in qualche modo, finiamo per seguire e che catalizza il dibattito, sia che si tratti di proteste di categoria, sia che si tratti di qualsiasi altra materia dello scibile umano. Lo scorso anno arrivò anche il Presidente della Repubblica Mattarella. Ma oltre che ‘giù le mani da Sanremo’, bisognerebbe dire anche ‘giù i piedi’. É incredibile come la Rai, ancora una volta, si sia infilata da sola in un pasticcio evitabile. Il conduttore dice che John Travolta ha chiamato qualche attimo prima dicendo: “Sono qui, passo”. E poi si scopre che da ottobre l’evento era annunciato. E l’attore esibisce una marca di scarpe sul palco di Sanremo, con tanto di marchio ben inquadrato”, ha spiegato il componente della commissione di Vigilanza Rai.

“Ai tempi della Rai di Bernabei il capo azienda controllava ogni dettaglio, è vero che c’era un solo canale ed era un altro tempo, veniva addirittura accusato di controllare l’abbigliamento delle ballerine. Ora invece i controlli scarseggiano. Non basta dire che è stato un errore. Il produttore delle scarpe è stato furbissimo. Ammesso che abbia versato 1milione a John Travolta, per indossare quel prodotto, ha già ottenuto non solo in televisione ma anche sui giornali e per la immensa polemica che si è determinata, un ritorno di immagine colossale. E la Rai? Fa da palcoscenico e basta? Se si vuole fare la pubblicità ci si organizzi. Sanremo porterà alla Rai 60milioni di euro di incassi con gli spot. Ottimo. Anche la vicenda delle ferrovie si sta risolvendo con una grande pubblicità reciproca, da un lato per la Rai, dall’altro per le FS. Peró chiediamo alla Rai: Amadeus ha detto la verità? La frase inglese che ha usato e che fa parte delle pubblicità delle scarpe è stata casuale o programmata? Qual è il giro di soldi di questa vicenda? Chi ha pagato e chi ci ha guadagnato? La Rai chiede dei soldi allo Stato, ma intanto non si faccia mettere i piedi in testa da nessuno. Temo che anche quest’anno il tutto finirà con una multa. Ma dovrebbero pagarla quelli che hanno causato questo pasticcio, non i cittadini con il canone e con gli altri versamenti previsti dalla legge”.

fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.ii

L’articolo Caso Travolta, Gasparri: “In vigilanza Rai accertamenti sulla vicenda. Amadeus sapeva qualcosa?” è già apparso su Il Corriere Nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.