Del 10 Febbraio 2024 alle ore 16:49

Taranto – Alla Martellotta parte il progetto Zonta #GenerarzioneZeta

#GenerazioneZeta. Il confronto e lo scontro per una cultura del rispetto

Prende avvio quest’anno anche presso l’Istituto Comprensivo “V. Martellotta” di Taranto il progetto di educazione al rispetto che lo Zonta Club Taranto snoda dal 2012 nelle aule delle scuole di Taranto e provincia. Il primo incontro nella scuola diretta dal Dirigente scolastico Gianni Tartaglia, attivo promotore, anche in rete con il territorio circostante, di percorsi trasversali centrati sui diritti umani per il benessere di ogni futura cittadina e cittadino, si terrà venerdì 16 febbraio nella Conference hall dell’Istituto Comprensivo, a partire dalle ore 9:00.

#GenerazioneZeta. Il confronto e lo scontro per una cultura del rispetto è il titolo del progetto che quest’anno vede coinvolti, per un totale di tre incontri centrati sulla metodologia del role playing, gli studenti sia dell’Istituto Comprensivo Martellotta di Taranto che dell’Istituto Comprensivo Severi di Crispiano.

La consapevolezza delle regole e la conoscenza di sé, la conoscenza dei diritti ed il loro rispetto, la ricchezza della diversità e gli stereotipi di genere saranno i temi trattati dalla criminologa avv. Antonella De Marco e dalla psicologa dott.ssa Graziana Calò, con coinvolgimento attivo di ragazze e ragazzi che analizzeranno insieme fenomeni ed esempi concreti di vissuti a loro vicini ove le donne, nonostante il velo della normalità, per scelta o etichetta, siano costrette, inconsapevolmente, in gabbie psicologiche che di fatto impediscono il pieno sviluppo della persona, sia dal punto di vista sociale che professionale.

La violenza di genere è innanzitutto un problema culturale, radicato in ambienti domestici prima ancora che istituzionali e spesso il fenomeno non viene riconosciuto proprio perché stratificato in azioni, parole e gesti del vivere quotidiano che, di fatto, rappresentano solo l’inizio di una inesorabile lesione di diritti a volte non nota proprio a chi la subisce.

Ecco perché lo Zonta Club Taranto, sin dal 2012, nell’ambito della campagna internazionale per i 16 giorni di attivismo di Zonta International Zonta Says No to Violence Against Woman, ha avviato nelle scuole della provincia jonica, con la collaborazione di dirigenti scolastici illuminati e grazie alla professionalità di avvocati e psicologi in prima linea in campo di tutela dei diritti delle ragazze e delle donne, un progetto che ha come obiettivo lo scardinamento di una cultura che parte dal basso, dalle famiglie, dalle scuole, dalle amicizie, dai primi amori, luoghi di esperienze dove si impara a stare al mondo, ma dove a volte si ha difficoltà nel riconoscere che è l’amica, la sorella, la mamma, se non proprio se stessa ad avere bisogno di costruire intorno a sé, tassello dopo tassello, quel castello di valori e libertà che orienta verso una vita serena ed impegnata, come garantisce a tutti la Costituzione italiana.

La presidente dello Zonta Club Taranto, Evelyn Zappimbulso, sostiene fermamente che le tavole rotonde e le manifestazioni fiume di parole non servano a celebrare fattivamente il 25 novembre o l’8 marzo, se a monte ed a valle di una data non ci siano impegno e motivazione costanti, con il coinvolgimento attivo delle generazioni più giovani che, oltre ad essere le più a rischio perché in crescita, costituiscono anche la fetta di più importante della società che un domani può fare davvero la differenza.

Il progetto #GenerazioneZeta. Il confronto e lo scontro per una cultura del rispetto, rivisto e rimodulato quest’anno per gli adolescenti della scuola secondaria di primo grado, nasce da una idea delle socie Livia Marinò e Silvia Abeille e in undici anni ha goduto della collaborazione di Licei, Istituti e Comprensivi del territorio jonico con la partecipazione di oltre duemila studenti.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

Stampa Parlamento

L’articolo Taranto – Alla Martellotta parte il progetto Zonta #GenerarzioneZeta è già apparso su Corriere di Puglia e Lucania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.