di Andrea Gentili

Non che mancasse la spinta a far bene, tutt’altro, ma nel corso della conferenza stampa di presentazione della stagione 2024 – 2025 abbiamo avuto la netta sensazione che la coppia dall’Ongaro – Harding abbia preparato un programma veramente super, un programma che si apre con una straordinaria  Tosca ed a nuovi progetti artistici che spaziano da trasferte in Europa a concerti all’interno di prestigiose Basiliche della Capitale.

Alla presenza del Sindaco di Roma Capitale Roberto Gualtieri e dell’Assessore alla Cultura della Regione Lazio Simona Renata Baldassarri il Presidente e Sovrintendente dell’Accademia di Santa Cecilia Michele dall’Ongaro ha descritto il cartellone della stagione 2024-205 che appare essere quanto di meglio possa offrire il top dei panorami internazionali con la partecipazione di grandi pianisti ( Martha Argerich e Grigory Sokolov ), violoncellisti e violinisti ( Joshua Bell, Leonidas Kavakos, Victoria Mullova ).

Al giovane Maestro inglese Daniel Harding chiamato a succedere al grande Pappano, quarantotto anni, che prenderà ufficialmente servizio ad ottobre, è affidata l’apertura della nuova stagione dell’Accademia di Santa Cecilia, apertura che quest’anno coincide con il centenario della morte di Giacomo Puccini: sarà lui a dirigere l’esecuzione del capolavoro del compositore lucchese la cui protagonista sarà Eleonora Buratto soprano di origine mantovana che debutterà in Tosca per la sua prima volta in Italia.

Saranno sei le esecuzioni di Daniel Harding presso l’Auditorium Parco della Musica, mentre sono previste anche esecuzioni fuori sede come ad esempio quella presso la Basilica di San Paolo fuori le Mura con la Messa da Requiem di Verdi; previste inoltre tournee all’estero in capitali quali Parigi, Vienna, Amburgo, Katowice nelle quali l’orchestra dell’Accademia, affiancata da solisti del calibro di Lisa Batiashvili, di Christian Gerhaer, suonerà portando la maestria dei suoi esecutori in opere del repertorio sinfonico dell’ottocento e del primo novecento ( Brahms, Schumann, Debussy, Dvorak, Prokof’ev, Mahler, Puccini ).

Andrea Secchi, direttore del coro dell’Accademia dirigerà a sua volta i suoi cantori nell’esecuzione di autorevoli opere del panorama mondiale con direttori del calibro di Petrenko, Dudamel, Sokhiev affiancati da solisti quali Martha Argerich, Mischa Maisky ed il debuttante Thomas Guggeis.

In totale saranno ventotto le produzioni di genere sinfonico, diciotto quelle di musica da camera che daranno vita ad un totale di centoquattro concerti in sede, due tournee europee con l’esecuzione di dieci concerti oltre che due concerti fuori sede nella capitale, uno alla Scala di Milano ed un altro al Lingotto di Torino mentre saranno ben cinquantotto i compositori interessati.

Quanto alle celebrazioni, la più importante delle quali è quella del centenario della morte di Puccini,verranno ricordati il centenario della morte di Shostakovic ed il centocinquantenario della morte di Bizet.

Per Natale in cartellone i King’s Singers e l’esecuzione del balletto dello Schiaccianoci mentre per marzo è prevista l’esecuzione dell’Ouverture del Flauto magico con la direzione di Robert Trevino; per aprile sarà Ottavio Dantone a dirigere la Serenata Notturna ed altre opere con la flautista Adriana Ferreira e l’arpista Silvia Podrecca; per febbario torneranno anche Lorenzo Viotti e Daniele Rustioni, Jakub Hruisa e Betarice Rana con un Concertino per pianoforte ed orchestra.

Il Direttore musicale dell’orchestra dei Berliner Philarmonicher Kirill Petrenko eseguirà la Sinfonia concertante di Mozart mentre molto atteso appare il “ rientro “ del Direttore Emerito dell’Accademia di Santa Cecilia Antonio Pappano e di altri due ex direttori quali Myung-Whun Chung e Daniele Gatti che dirigeranno rispettivamente musiche di Brahms e Beethoven, di Schubert,  Rossini, Bruckner e Wagner.

Ed inoltre, per quanto riguarda le opere da rappresentarsi: Tosca come si è detto all’inizio, La Lira di Orfeo e Written on Skin ( quest’ultima eseguita per la prima volta a Roma sotto la direzione di Ben Davis.

Il concerto di apertura della stagione sarà quello operato il 30 ottobre 2024 dalla Freiburger Barockorchester con musiche di Bach al quale prenderanno parte i Fiati ed il Coro di di Santa Cecilia.

Molte le agevolazioni: per gli Under 35, per gli Under 30, per gli Under 18 oltre che abbonamenti speciali ed agevolazioni per gruppi. Prevista anche l’attivazione del Bonus Cultura di € 500 che potrà essere utilizzato sia per l’acquisto di abbonamenti che per biglietti dei concerti.